Eutópia sta per “buon luogo”.

L’associazione è nata nel  gennaio 2011 Reggio  Emilia presso  la  centenaria  Cooperativa Case  Popolari di Mancasale e Coviolo, a Reggio Emilia. Per Statuto si è data la finalità prioritaria di suscitare e accompagnare dal basso processi di rigenerazione territoriale. Abbiamo la convinzione che, senza la produzione di paesaggio, non si dia cittadinanza. La democrazia vive e si riproduce nei luoghi – all’incrocio geostorico tra culture, memorie, esistenze. Ma come s’impara? Adottando, con Michel De Certeau, uno sguardo “raso terra”. Camminare è una facoltà generativa: di conoscenza scientifica, riconoscimento culturale, nuovi appaesamenti.

Perimetrare lo spazio e dargli il nome di luogo. Riconoscere una particella di territorio e dargli il nome di paesaggio. Sono altrettanti esercizi di geodemocrazia. Aiutano a risignificare il proprio “posto nel mondo”. Qui il senso, le fatiche insieme alle passioni civili, dell’ultima IdeAzione di Eutopia per il 2018: GeoHistory Telling: uno stile di narrazione “con le memorie”, rispettoso di ogni storia, avverso agli stereotipi.